+39 371 120 57 81 info@scuolarecitazionecalabria.it

Walter Cordopatri Il direttore della scuola

Da Maggio 2016  Walter Cordopatri è il Direttore della Scuola di Recitazione della Calabria che mira diventare un punto fermo nel panorama dell’interpretazione dell’intero Mezzogiorno.

Nasce a Gioia Tauro il 24 Settembre 1987 da padre commerciante e madre casalinga, Walter è il secondo di tre figli e sin da bambino manifesta una predilezione per le attività ludico-motorie riuscendo ad esprimersi al meglio nello sport e nelle discipline artistiche.

Nel 2006 conseguirà il Diploma  di Perito Capotecnico Informatico all’ ITIS di Oppido Mamertina. Si presenta però ai provini ufficiali della Scuola Nazionale di Cinema, ovvero il Centro Sperimentale di Cinematografia. Dopo un’ardua selezione, Walter risulterà fra gli otto fortunati  intraprendendo inaspettatamente tre anni di duro lavoro con maestri del calibro di Giancarlo Giannini, Mirella Bordoni, Giovanni Veronesi, Vito Mancusi, Mario Maldesi, Furio Andreotti, Alessio Di Clemente, Eljana Popova, Daniele Luchetti e assicurandosi, nel 2012 il Diploma di Attore Professionista Italiano.

Il suo primo lavoro nel 2009 è il video musicale di Elisa ToffoliBroken”. Nel  2011 è il  protagonista de “Il Caffè”, di Paco Treglia, un cortometraggio che affronta le difficoltà relazionali di coppia, grazie al quale vincerà il premio di Miglior Attore al Festival di Ferrara. Nello stesso anno interpreterà in diretta nazionale su Rai Radio 3  “Radio Drammi”, una serie di letture di testi riguardanti i 150 anni dell’Unità d’Italia, diretti da Sergio Pierattini.

Nel 2012 è il co-protagonista di “Melina, con rabbia e con sapere”, di Demetrio Casile. In quest’anno scrive e interpreta “ 30 e Lode” diretto da Salvatore Romano, un cortometraggio girato nel Comune di Rizziconi che affronta la tematica della meritocrazia all’interno dell’ambiente universitario. Sempre nel 2012 gira “Undici”, un video musicale, diretto da Marco Risi in omaggio ai Principi Fondamentali della Costituzione. Nel 2013 è a teatro con “ Canale Mussolini”  diretto da Clemente Pernarella, tratto dal Premio Strega Antonio Pennacchi, in cui interpreta il protagonista del romanzo, Pericle Peruzzi.

Nel 2014 è il protagonista di “ Blush”, un cortometraggio sul pregiudizio umano, attraverso cui vincerà il premio come Miglior Attore Protagonista al Napoli Cultural Classic e all’Azzurra Film Festival; nello stesso anno è sceneggiatore e attore protagonista de “ La notte non fa più paura”opera prima di Marco Cassini sulle drammatiche vicende del Terremoto d’Emilia Romagna, presentato in Anteprima Mondiale al Parlamento Europeo di Bruxelles, alla Festa del Cinema di Roma 2016, vincitore del  Valdarno Cinema Fedic 2016 e del Social World Festival come Miglior Film e Migliore Scenaggiatura. (13-23 ottobre).  Proiettato inoltre in via eccezionale per la prima volta nella storia del Parlamento Italiano all’interno della Sala Del Refettorio Della Camera Dei Deputati il 18 Luglio 2016 alle ore 17: 30.

Nell’agosto 2015 vince il Premio Omero ( disegnato dal grande maestro Gerardo Sacco) come Miglior Attore Esordiente Calabrese per  “La notte non fa più paura”. Dall’11 settembre 2015 a tutto il 2016 va in scena con il monologo teatrale “Io, Francesco di Paola”, scritto da Salvatore Romano, interpretando in prima persona, San Francesco di Paola, con passaggi inediti, vita e curiosità del “Gigante” patrono calabrese onorandolo come più merita in occasione del  VI° Centenario dalla Sua nascita.

A dicembre del 2016 è protagonista in scena con “C’era un ragazzo che come noi” di Antonio Salines, spettacolo teatrale sui 40 anni dalla scomparsa di Francesco Vinci, vittima innocente di mafia.